Via, Vicolo della Pace PDF Stampa

 - da Via di Tor Millina a Largo Febo, R. V, Ponte -
 

Dalla chiesa dedicata a S. Maria della Pace. In antecedenza era la chiesetta di S. Andrea o S. Maria de Aquarenariis o Aquaricariis, poiché vi abitavano i rivenditori d’acqua. Quando nei secoli di mezzo Roma, difettando di acque potabili, adoperava l’acqua del fiume, dopo averne fatto depositare l’arena; da ciò la Via ebbe nome degli Acquarenari. Infatti ancora nel 1517 l’Ariosto raccomandava al fratello Galasso di tenergli pronta, per il suo arrivo in Roma, dell’acqua purgata del Tevere:

Fa ch’io trovi dell’acqua non di fonte,
di fiume sì, che già sei di veduto
Non abbia
 Sisto ne alcun altro ponte.

Questi acquarinari l’attingevano con barili all’altezza del Ponte Milvio e l’andavano distribuendo per le case. Per la facilità che avevano d’introdursi in ogni abitazione, acquistarono la fama di mezzani. Alla corporazione degli Acqarenari apparteneva la madre di Cola di Rienzo che viveva “di panni lavare e di acqua portare”. Nella chiesetta era una immagine della Vergine che, colpita da un sasso gettatole contro, avrebbe sgorgato sangue. Sisto IV vi si recò in processione e fece voto di erigere in quel sito un magnifico tempio alla Vergine, se si fosse evitata la guerra minacciata dalle funeste conseguenze della Congiura dei Pazzi a Firenze.
Scongiurata la guerra, nel 1480 venne edificata la chiesa dedicata a S.Maria della Pace.
Alessandro VII (1655) la restaurò su disegno di Pietro da Cortona. Il giorno della riconsacrazione, essendo stato eretto un arco trionfale nel cui mezzo campeggiava il ritratto del papa e l’iscrizione “Orietur in diebus nostris justitia et abundantia pacis” (Nascerà ai giorni nostri la giustizia e l’abbondanza della pace), Pasquino cambio l’orietur in morietur e il pacis in panis: “Morirà ai nostri giorni la giustizia e l’abbondanza del pane”…

All’interno della chiesa le statue che decorano la Cappella Cesi, architettura di Michelangelo, furono scolpite con marmi provenienti dal tempio di Giove Capitolino. Le quattro Sibille, sull’arco della Cappella Chigi, sono di Raffaello.
Pitture di Baldassarre Peruzzi, del Maratta, dell’Albani, del Sermoneta. Il Chiostro, del 1504, è opera del Bramante.




Stradario Romano, Benedetto Blasi, Edizioni del Pasquino, Roma, 1933

 

articolo_9

biblio

fb_logo

adottaunaparola
ARCHIVISTICA
benevolo1
biblioteconomia
tampinare

mostri copia

 

emergency


Progetto "Aiutiamo l'Africa"

amici1


Roma da Spasso! La guida al divertimento a Roma

 

Home
Chi siamo
Area RIservata
Galleria Fotografica
Convenzioni per i Soci
Contattaci

N e w s l e t t e r

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, riceverai così gli inviti alle nostre iniziative.
Grazie per esserti iscritto!

prenotazioni

eventipassati

 

STRADA

N e w s l e t t e r

Questo modulo richiede il componente Communicator

Contatore Visite

0137311
OggiOggi37
IeriIeri50
Questa SettimanaQuesta Settimana355
Questo MeseQuesto Mese1050
US

Area Riservata



AUTOPRODUZIONI IN DVD

COPERTINA_ppp
Leggi l'abstract

Moro_doc
Leggi l'abstract

 

datat2007

 

LOGO SU NERO

 

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!